Dona ora

I popoli indigeni fanno valere i loro diritti

Nel dipartimento del Cauca, costantemente colpito da conflitti armati e ambito per le sue risorse naturali da numerosi gruppi armati e interessi economici, è necessario sviluppare strategie che possano rafforzare l'esercizio dei diritti umani delle comunità indigene. Tullio Togni, insegnante ticinese specializzato in antropologia sociale, sostiene il Consejo Regional Indígena del Cauca (CRIC) nel suo lavoro di difesa dei diritti umani. 

Le popolazioni indigene della regione del Cauca, pesantemente colpite dai conflitti armati, sono vulnerabili a diversi fattori: da un lato, le risorse naturali dei loro territori - terra fertile, legno, minerali e acqua - sono ricercate dagli attori armati, che hanno stabilito importanti rotte per il traffico delle loro economie illegali; dall'altro, anche i grandi progetti agroindustriali o minerari si stanno interessando a loro. D'altra parte, in questa regione essenzialmente rurale, queste popolazioni sono particolarmente colpite dalle disuguaglianze socio-economiche, frutto della concentrazione di ricchezza e potere, e dalla discriminazione ed emarginazione. L'esercizio dei propri diritti da parte delle popolazioni indigene del Cauca, la cui identità culturale conferisce loro una notevole coesione e forza di resistenza, rappresenta una minaccia sia per gli attori armati che detengono il potere nel territorio sia per alcuni interessi economici.  

 

Organizzazione partner 

Il CRIC, Consejo Regional Indígena del Cauca, lavora da oltre 50 anni per il riconoscimento dei diritti di queste comunità, la difesa dei loro territori e dei loro spazi vitali. Il Programma per la Difesa della Vita e dei Diritti Umani del CRIC, con un'équipe di 30 persone, ha già sviluppato una serie di azioni politiche, sociali, educative, economiche e ambientali con bambini, giovani e adulti, e ha svolto regolarmente azioni di comunicazione su stazioni radio e reti sociali per la promozione e la difesa dei diritti umani. Tuttavia, constatando un aumento dei casi di violazione dei loro diritti, il CRIC cerca di rafforzare le proprie strategie per ottenere un impatto più significativo sulla riduzione dei casi di violenza e delle violazioni di tali diritti.  

  

Obiettivi del progetto

Il programma di difesa dei diritti umani e della vita del CRIC comprende la creazione e l'implementazione di un osservatorio dei diritti umani per fornire un sostegno più efficace alle 11 popolazioni indigene che compongono il CRIC. L'obiettivo è quello di rafforzare la capacità del suo team di elaborare efficacemente le informazioni sugli eventi che riguardano i bambini, i giovani e le comunità che ne fanno parte; e di sviluppare competenze e strategie per la prevenzione e la protezione dei diritti umani, nonché la capacità dell'organizzazione e delle comunità di costruire un'azione di advocacy per una cultura di pace e di rispetto dei diritti umani, rafforzando il loro coordinamento a livello regionale. 

Cooperante

Tullio Togni
Antropologo sociale

E-Mail

Dati principali

01.02.2023 - 31.01.2026
Cauca / Colombia
Diritti umani e democrazia

Grazie per il sostegno!

Grazie alla sua donazione i diritti umani delle popolazioni indigene parte del Consejo Regional Indígena del Cauca (CRIC) potranno essere rafforzati.

Progetti in Colombia

Gruppo di sostegno

Iscriviti per ricevere 2 volte all'anno notizie da Tullio Togni, che nel suo bollettino descrive i progressi del progetto e racconta la sua esperienza di cooperazione allo sviluppo.

 

Iscriviti