Dona ora
02.06.2020 | Bolivia, Sicurezza alimentare e reddito

Coltivazioni urbane per sopravvivere al Covid19

Come sopravvivere in una grande città come El Alto / La Paz durante la crisi del Coronavirus? Economia informale ferma, violenza domestica, sistema sanitario in crisi: Jérôme Gyger racconta la situazione direttamente da questa città e spiega il suo progetto di agricoltura urbana, che è parte della soluzione.

Dal 22 marzo, in Bolivia viviamo in un regime di quarantena molto stretta. Questo contesto, del tutto inimmaginabile quando siamo arrivati a gennaio, è ormai una realtà da qualche mese. Questo articolo vuol darvi un'idea della situazione sociale che stiamo attraversando, oltre che trasportarvi per qualche istante nel cuore del progetto di sicurezza alimentare urbano con le donne della nostra organizzazione partner FOCAPACI. Donne impegnate nell'auto-aiuto alimentare, così necessario in questo momento.

Le regole della quarantena sono molto rigorose. La popolazione ha diritto di andare a fare la spesa solo una mattina alla settimana, nel giorno definito dall'ultimo numero della carta d'identità e questo solo per persone tra i 18 e i 65 anni. I nostri figli, che traboccano di energia, non hanno ad esempio diritto di uscire di casa. 

Si lavora da casa, ma non tutti i miei colleghi hanno un computer a casa e non tutti hanno necessariamente una connessione a internet. Si difendono con il cellulare comprando dei crediti di navigazione quando possono e per questo le nostre sessioni di lavoro virtuale sono spesso interrotte. Detto questo, io e la mia famiglia ci troviamo ancora di fronte a problemi gestibili.

Niente più reddito e un sistema sanitario in crisi

In effetti, questo non è rappresentativo della realtà quotidiana della maggior parte dei cittadini di questa città che ora pensa, prima di tutto, a come sopravvivere. El Alto ha un'economia basata sul commercio informale. Tra il 70 e l'80% della popolazione vive alla giornata attraverso le sue attività quotidiane. Il rigido confinamento ha ripercussioni terribili, eliminando ogni possibilità di reddito. Il governo consegna piccole somme di denaro alla popolazione più bisognosa, ma non è assolutamente sufficiente. Per questo, in diverse zone della città la gente si oppone alla quarantena convinta che la porterebbe a una morte certa, come il Coronavirus. I parametri delle misure pronunciate sono quindi molto sensibili e c'è una forte pressione per sbloccare almeno l'economia di sopravvivenza.

Se le conseguenze della crisi del Coronavirus sono drammatiche per quanto riguarda le entrate economiche necessarie all’acquisto di cibo, un'altra realtà più silenziosa preoccupa: la violenza domestica. Secondo le indagini di FOCAPACI, quasi il 70% delle donne con cui lavoriamo nelle loro case sono vittime di qualche tipo di violenza (fisica, psicologica, ...). Questo è allarmante e purtroppo peggiora con il confinamento. In un mese di quarantena, il governo ha annunciato quasi 1’000 casi di violenza domestica e 5 donne decedute. La Bolivia è il paese del Sud America con il più alto tasso di femminicidi (CEPAL).

A livello sanitario, nel video qui sopra vi fornisco maggiori informazioni. Per esempio, a proposito del personale sanitario che si è dimesso in massa per paura del virus o dei lunghi ritardi nella diagnosi dei casi positivi.

Questa crisi ha avuto ripercussioni anche sulle elezioni presidenziali, previste per il 3 maggio dopo la partenza forzata di Evo Morales alla fine dello scorso anno: sono state rinviate a data da definire. Tuttavia, la Camera dei deputati ha insistito affinché le elezioni si svolgano il prima possibile. Ci troviamo a che fare con un governo provvisorio che è al potere da diverso tempo e questo non aiuta ad allentare le tensioni politiche, che sono ancora molto presenti. Infatti, l'attuale governo è accusato di utilizzare la pandemia a fini politici.

Fortunatamente organizzazioni come FOCAPACI, con la quale sono impegnato da inizio d’anno, danno speranza. Durante questa crisi, FOCOPACI ha riorientato la sua azione per fornire ceste di verdura alle persone più svantaggiate e che non hanno più abbastanza da mangiare. Abbiamo potuto consegnare decine di ceste di verdura provenienti dalle serre del progetto e prevediamo di raggiungere con questi aiuti circa 400 famiglie. Ecco come funziona il progetto di agricoltura urbana gestito da donne.

Con il sostegno di Jérôme Gyger, 400 famiglie riceveranno delle ceste di verdure. Grazie mille per sostenere questo importante progetto!

 

DONA ORA

Donne coinvolte in coltivazioni urbane

Da gennaio e fino al momento del confinamento, per arrivare sul luogo di lavoro praticavo un triathlon: 25 minuti a piedi, 10 minuti in teleferica e 25 minuti in taxi collettivo. L'accoglienza da parte dei miei colleghi è stata molto piacevole e ho avuto l'opportunità di seguirli sul campo fin dai primi giorni per conoscere l'intero progetto di agricoltura urbana.

Grazie ai quattro ingegneri agronomi ho iniziato a conoscere le 300 donne agricoltrici che beneficiano del programma. Entriamo nei loro cortili per visitare le loro tende solari che ospitano ricchezze insospettabili. Una volta aperta la porta, i nostri occhi sono increduli: fragole, pomodori, uva e mais vengono coltivati in queste serre urbane costruite a 4’000 metri di altitudine. È incredibile! E questo grazie al fatto che all'interno di queste tende la temperatura supera anche i 30 gradi.

Queste visite mi permettono di rendermi conto dell'impatto positivo e dell'importanza di possedere una tale tenda solare in un ambiente urbano. È un vero tesoro che permette di nutrire tutta la famiglia in modo sano. Questo è l'obiettivo primario del nostro progetto, un consumo sufficiente e sano per la famiglia. Le donne sono apprezzate per il loro lavoro e per tutti gli alimenti variegati che sono in grado di produrre. Questo non solo rappresenta un netto risparmio sul bilancio familiare, ma molte donne insistono sull'impatto positivo che questi alimenti hanno sulla salute dei loro figli, che sembrerebbero ammalarsi meno. Infatti, la mancanza di varietà e la scarsa qualità del cibo genera carenze nutrizionali soprattutto nei bambini.

In secondo luogo, le visite mi danno l'opportunità di misurare la portata della sfida che mi attende per quanto riguarda la commercializzazione della produzione eccedente, possibile solo possedendo una tenda di circa 27m2. Solo 126 donne possiedono una tenda di queste dimensioni, le altre hanno piccole serre di 2-3m2, il che rende la produzione molto semplice e la commercializzazione delle eccedenze impossibile nell'immediato futuro.

Per questo motivo ci stiamo concentrando sulla realizzazione di nuove tende il più presto possibile, per consolidare la produzione. Tuttavia, questo esercizio non è così facile come sembra. La disponibilità di terreni è un primo problema. Dobbiamo accontentarci dello spazio disponibile, che a volte è limitato.

In secondo luogo, le donne devono mostrare un reale interesse a investire in un progetto di agricoltura urbana ecologica senza l'uso di pesticidi. Per questo motivo sono loro che preparano il terreno per la costruzione della tenda e devono investire nei materiali necessari (muro, legno, fertilizzante, torba, ...). Questo rappresenta un costo importante per loro (circa 400 dollari), ma dà la garanzia di un reale investimento personale nel futuro lavoro di produzione.

Una solida formazione per l'empowerment

Quando le donne desiderano partecipare al progetto, vengono direttamente inserite nel nostro programma di formazione che ha lo scopo di renderle totalmente indipendenti nella gestione della produzione. Così, si inseriscono in un programma di formazione e di accompagnamento concepito e pianificato in diversi moduli adattabili al diverso livello di conoscenza nella produzione biologica. Per rendere fattibile questo lavoro con 300 donne, vengono istituiti gruppi di lavoro.

Il mio progetto consiste nell'accompagnare queste donne attraverso un programma di marketing e contabilità che costruiremo insieme. Il mio obiettivo sarà quindi quello di aiutarle a commercializzare i loro prodotti e di ideare e aprire dei punti vendita. Queste donne hanno sicuramente tutte le risorse e le conoscenze per realizzare queste idee, si tratta di portarle alla luce e di trasformarle in realtà.

Stiamo anche lavorando sulla sensibilizzazione dei consumatori. Infatti, i prodotti biologici e nuovi non sono necessariamente ricercati dalla popolazione per molte ragioni (costi, educazione, offerta del mercato, abitudini alimentari, ...). Pertanto, lavoriamo insieme a gruppi di consumatori di molteplici origini. L'obiettivo è quello di stabilire un collegamento tra questi consumatori e le donne produttrici e generare così una migliore osmosi tra domanda e offerta.

Tutti questi corsi di formazione e laboratori si tengono di solito nelle case delle persone. È stato un piacere scoprire che dopo ogni corso è tradizione condividere un “apthapi”. L’”apthapi” è un momento della tradizione andina ancestrale durante il quale si condivide il cibo, così ogni donna porta un piatto cucinato per condividere un momento di scambio in cui si sottolinea la reciprocità. Il mio problema è che devo onorare i piatti di tutte le partecipanti e così, quando i gruppi di lavoro superano le 10 donne, faccio le mie riserve per la settimana.

Verso un piano d'azione efficace

A fine febbraio ci siamo presi un po' di tempo con il team di progetto per definire un piano operativo fino alla fine dell'anno. Da parte mia, ho intenzione di sviluppare la parte di marketing territoriale. L'obiettivo è quello di concentrarsi su alcuni quartieri nei quali proporre e rafforzare un diverso modo di produzione e di consumo su piccola scala. Il marketing sarà così adattato al contesto locale.

Un altro progetto su cui devo lavorare è quello di creare un fondo a rotazione. L'idea è quella di permettere alle donne di acquistare nuovi strumenti e prodotti per migliorare la loro produzione. Con l'attuale contesto sanitario, questo fondo potrebbe anche essere utilizzato per coprire altre necessità, dato che le esigenze delle donne possono cambiare e le loro coltivazioni non saranno necessariamente prioritarie.

Infine, un altro punto importante del mio lavoro è la sistematizzazione delle informazioni all'interno dell'istituzione. In effetti, molti dati vanno persi e non vengono trasmessi, soprattutto quando un membro dello staff lascia il progetto. Non vengono utilizzati strumenti informatici di base e Whatsapp viene utilizzato come piattaforma di riferimento per la trasmissione di documenti. È quindi facile perdere informazioni importanti nella ventina di gruppi Whatsapp attivi nel progetto.

Una giornata con Doña Eduarda

Le mie attività quotidiane mi danno l'opportunità di incontrare persone straordinarie. È il caso di Eduarda Taquichiri, 67 anni. Questa signora, madre di 4 figli e nonna di un bambino, è legata a FOCAPACI da molti anni. Inizialmente è stata beneficiaria del programma di sicurezza alimentare, ora che è totalmente indipendente ci aiuta a formare altre donne nell'agricoltura urbana e nel marketing. Infatti, appena il 10% delle donne del progetto si dedica al marketing ed è ancora troppo poco.

Qual è il segreto del suo successo? Come è riuscita a diventare autosufficiente, soprattutto a un'età in cui si dovrebbe piuttosto pensare a prendersi cura di sé stessi?

L'appuntamento è per un venerdì mattina presto, prima dell’inizio della crisi di Coronavirus a El Alto. Vedendola arrivare carica di 3 grossi sacchi pieni del suo raccolto, non ho potuto che ammirare il suo coraggio e la sua forza. La merce doveva pesare quasi quanto lei. Così sono stato felice di poterla accompagnare e di aiutarla in quello che per lei è un venerdì molto classico.

Saliamo in un minibus affollato per scendere fino a La Paz, un viaggio che dura 1h30 in strade affollate. Non mi ha sorpreso quando mi ha detto che saremmo andati direttamente all'edificio del Ministero dello sviluppo. È con molta disinvoltura e fiducia che mostra la sua carta d'identità alla sicurezza e sale al piano superiore. I dipendenti si affrettano a uscire dalle loro postazioni di lavoro per acquistare tutti i suoi deliziosi prodotti. La sua giornata sarà fruttuosa. Calcolando tutti i costi di produzione e di trasporto, Doña Eduarda riuscirà a generare un profitto di poco superiore ai 10 dollari.

Nel suo quartiere di El Alto, ha aperto un piccolo negozio di fianco alla sua casa. Il problema è che la gente non ci va. La popolazione preferisce (o non ha scelta) acquistare all'ingrosso, al miglior prezzo e senza guardare alla qualità del cibo "che riempie la pancia", e chiaramente non è il caso delle verdure biologiche. Si tratta quindi di una grande sfida quella che ci attende, ma sappiamo che questo sviluppo agricolo permetterà un reale cambiamento economico di qualità a El Alto, e le donne coinvolte ci credono fermamente.

C'è ancora molto da vedere e da fare e non mancherò di tenervi informati su come evolve la situazione. È quindi con grande energia e speranza che vi auguro tutto il meglio in questo momento così speciale. Mi raccomando prendetevi cura di voi stessi. Cuídense mucho!

Grazie mille per sostenere il mio lavoro a favore delle donne di El Alto. Grazie alla tua donazione, le famiglie colpite dalla povertà possono ricevere un'alimentazione sana, in particolare durante questa difficile crisi. 
 

DONA ORA!

Guarda il video adesso!

Il cooperante di Comundo, Jérôme Gyger racconta della situazione del coronavirus a El Alto:

Di Jérôme Gyger | 2 giugno 2020 | Bolivia

Condividi questa storia !

 

0 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Jérôme Gyger

Master in Politica sociale e sviluppo

E-Mail

Il cooperante di Comundo Jérôme Gyger sostiene il centro di formazione Focapaci in un progetto di sicurezza alimentare urbana, che permette a gruppi di donne di migliorare il loro reddito attraverso la produzione agricola urbana e quindi di provvedere ai bisogni delle loro famiglie.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Sostenere il progetto

Vuoi sostenere l'interscambio e aiutarci a rendere possibile il lavoro del cooperante a favore di questo importante progetto?

 

Dona ora!