Dona ora
15.09.2020 | Peru, Diritti umani e democrazia

Quando la miniera beneficia del Coronavirus

Le violazioni dei diritti umani e la distruzione ambientale nelle miniere minacciano gli habitat delle popolazioni indigene in Perù. E ora, oltretutto, la pandemia di Covid-19 sta favorendo il gioco della lobby mineraria. La visione del cooperante di Comundo Mattes Tempelmann.

Il Perù è al sesto posto tra i paesi più colpiti dal Coronavirus: a metà agosto si contavano già oltre mezzo milione di casi. Il governo ha imposto un coprifuoco di quattro mesi in tutto il Paese, sotto stretto controllo militare. Queste misure colpiscono in modo particolare le persone che lavorano nel settore informale: commessi, lustrascarpe, tassisti, lavoratori domestici. Circa due terzi della popolazione è caduta in miseria.

Nessun lockdown in miniera

L’attività di estrazione invece è stata esclusa dal lockdown. Il governo peruviano ha ceduto alle pressioni della lobby mineraria e ha lasciato che le miniere continuassero a funzionare senza restrizioni. Le conseguenze sono state drammatiche: al 21 maggio, 753 lavoratori erano stati infettati dal Coronavirus. Inoltre, le attività minerarie sono state svolte senza alcun controllo ambientale in quanto le autorità competenti non sono state autorizzate a lavorare durante il blocco. Anche i comitati locali di controllo ambientale, strumenti della società civile organizzata, hanno dovuto fermarsi. 

Il rame tossico di Espinar

Il seguente breve documentario mostra in modo impressionante quanto siano gravi le conseguenze dell'attività mineraria per la salute dell'uomo e degli animali. La miniera di carbone di Espinar è gestita da una società svizzera con sede in Svizzera, la Glencore.

 

L'associazione Red Muqui è a conoscenza di un aumento degli incidenti, come perdite o fughe di acque reflue tossiche nei corpi idrici, probabilmente come risultato delle lacune nei controlli che sono state sfruttate senza scrupoli dalle compagnie minerarie. Da sei anni lavoro come cooperante di Comundo a sostegno di Red Muqui, che comprende 29 organizzazioni peruviane che lavorano per lo sviluppo sostenibile, la protezione dell'ambiente e i diritti delle persone colpite dall'attività mineraria. Come geografo, fornisco consulenza a gruppi di lavoro su questioni di gestione delle acque, pianificazione del territorio, monitoraggio ambientale partecipativo e analisi dei conflitti socio-ecologici.

Tra le altre cose, noi di Red Muqui recensiamo i danni ambientali che le persone delle aree colpite ci segnalano. Per esempio, ci è stato detto che nella provincia di Santiago de Chuco ci sono compagnie minerarie formali e informali (sia nazionali che internazionali) che operano nella parte alta di un bacino idrografico. Queste attività influiscono e contaminano le risorse idriche esistenti di cui la popolazione ha bisogno per l'uso domestico, l'allevamento del bestiame e l'agricoltura. E le autorità competenti non fanno nulla per controllarle.

Workshop partecipativo con il cooperante di Comundo Mattes Tempelmann. © Red Muqui
Workshop partecipativo con il cooperante di Comundo Mattes Tempelmann. © Red Muqui

I progetti minerari sono progrediti durantela pandemia

Al contrario, abbiamo osservato un rinnovato impulso da parte del governo peruviano a portare avanti i progetti minerari proprio durante la crisi di Coronavirus. Di grande impatto sono state le dichiarazioni del Ministro dell'Energia e delle Miniere, Susana Vilca, sul progetto Conga a Cajamarca (della società statunitense Newmont) e sul progetto Tía María ad Arequipa (del gruppo messicano Southern Copper Corporation): «Tutto è possibile quando si tiene conto degli standard ambientali e sociali. Prima o poi riapriremo comunque le miniere. L'estrazione mineraria è un lavoro che deve essere fatto». Ciò che è preoccupante è che in questo momento sono emerse gravi preoccupazioni tecniche e ambientali in entrambi i progetti. Inoltre le aziende non hanno nessun tipo di sostegno da parte della popolazione locale: la gente non vuole attività minerarie nelle proprie zone.

Il progetto Tía María merita un'attenzione particolare, soprattutto perché mancano le condizioni ambientali e sociali per lo sviluppo del progetto minerario. La popolazione della fertile Valle del Tambo è invece impegnata in un'agricoltura di successo che fornisce lavoro a migliaia di persone e rifornisce tutto il paese di verdura, frutta e riso.

Protesta contro la miniera Tía-María Bergwerk nella valle del Tambo, Perù. © Red Muqui
Protesta contro la miniera Tía-María Bergwerk nella valle del Tambo, Perù. © Red Muqui

Promuovere l'agricoltura invece dell'estrazione mineraria

Il caso di Tía María sembra essere la sintesi di ciò che significa il contrasto tra l'industria mineraria e l'agricoltura in Perù: il governo vuole portare avanti un progetto minerario nella Valle del Tambo che serve interessi economici e privati e non tiene conto delle esigenze della popolazione locale. In questo caso, Red Muqui ritiene che si debbano promuovere attività territoriali e locali alternative per una riattivazione economica della regione, ad esempio un'agricoltura che garantisca cibo ai peruviani anche in tempi di crisi.

Le organizzazioni rurali e le forze di protezione civile rurali (Rondas Campesinas), chiedono un maggiore sostegno all'agricoltura. Si sono riunite anche durante il coprifuoco (ad esempio all'inizio di maggio a Santiago de Chuco, nella regione di La Libertad), per protestare contro la promozione unilaterale dell'industria mineraria e contro la costante negligenza verso l'agricoltura. Hanno anche chiesto una commercializzazione decentrata dei prodotti alimentari da parte delle autorità locali. E un controllo più forte delle compagnie minerarie attive per prevenire l'ulteriore diffusione di Covid-19 nelle comunità adiacenti le miniere. Sotto la pressione dei sindacati agricoli, delle comunità agricole e delle organizzazioni della società civile, il Congresso del governo nazionale ha risposto ad alcune richieste. Ad esempio, la riattivazione economica non deve avvenire solo attraverso attività estrattive come l'estrazione mineraria, ma deve anche tenere conto dell'agricoltura. Red Muqui terrà d'occhio questi sviluppi.

Grazie per il sostegno!

Grazie alla sua donazione l'impegno dei cooperanti di Comundo come Mattes Tempelmann in Perù può essere rafforzato. Contribuisca alla lotta per i diritti della popolazione indigena e per la protezione dei loro mezzi di sussistenza.

 

DONA ORA

Di Mattes Tempelmann | 15 settembre 2020 | Peru

Condividi questa storia !

 

0 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Mattes Tempelmann

geografo

E-Mail

Mattes Tempelmann sostiene l'associazione Red Muqui, che rappresenta 29 organizzazioni peruviane, e si occupa di sviluppo sostenibile, protezione dell'ambiente e protezione dei diritti delle popolazioni indigene in relazione allo sfruttamento minerario. Mattes li sostiene appoggiandoli nella formazione in ambito ambientale e fornendo consulenza sulle questioni tecniche.
 

maggiori informazioni