Dona ora
16.06.2020 | Zambia, Educazione

L’informatica a scuola per un futuro migliore

In Zambia, le scuole comunitarie sono spesso l'unico accesso all'istruzione per i bambini delle aree svantaggiate. La tecnologia informatica rappresenta una grande speranza di ottenere un'istruzione di qualità per offrire opportunità di lavoro ai giovani. L'attuale crisi del Coronavirus sottolinea ulteriormente questa necessità. Testimonianza del cooperante Sacha Chillier.

L’accesso universale a un'istruzione gratuita e di qualità è il quarto obiettivo internazionale per lo sviluppo sostenibile nell'Agenda 2030. Visto dalla Svizzera, questo obiettivo può sembrare facilmente raggiungibile, ma purtroppo non è così in Zambia. Sebbene le scuole governative siano ufficialmente gratuite dal 2002, rimangono inaccessibili a una parte considerevole della popolazione. I costi amministrativi e per le uniformi sono molto elevati e la mancanza di scuole costringe i bambini a camminare troppo a lungo per raggiungerle.

Vogliamo offrire ai giovani svantaggiati un’educazione di qualità
e delle opportunità in questo mondo sempre più digitalizzato.

Per i bambini dei compounds, i quartieri svantaggiati, le scuole comunitarie sono spesso l'unico luogo in cui possono accedere all'istruzione. 

Per una testimonianza dal posto: guarda il video ora!

Unisciti a noi per aiutare i bambini e i giovani in Zambia. Ogni donazione è importante e può cambiare delle vite!

DONA ORA

In queste scuole istituite da comunità, associazioni o chiese, i bambini ricevono  un'educazione  rudimentale. La mancanza di mezzi è palpabile: i libri sono disponibili, i bambini a volte non hanno da scrivere, il materiale  didattico è obsoleto e le classi sono sovraffollate. Inoltre, gli insegnanti sono poco qualificati. Alcuni di loro non hanno nemmeno finito i dodici anni di scuola primaria! 

Il risultato è un basso tasso di accesso alla scuola secondaria: meno del 50%. 

ll successo nei test di lingua e matematica è molto basso e la maggior parte degli studenti fa fatica a raggiungere le competenze di base.Tuttavia, va detto che gli insegnanti che ho incontrato sono molto impegnati e vogliono portare un'istruzione di qualità ai giovani zambiani.

Classi affollate, una penna e un quaderno su cui copiare tutta la lezione. La tecnologia informatica offre grandi speranze per gli allievi, ma anche per il sostegno pedagogico agli insegnanti, che sono spesso isolati. Twaywane Community School, Zambia.
Classi affollate, una penna e un quaderno su cui copiare tutta la lezione. La tecnologia informatica offre grandi speranze per gli allievi, ma anche per il sostegno pedagogico agli insegnanti, che sono spesso isolati. Twaywane Community School, Zambia.

L’informatica offre prospettive

La tecnologia informatica offre grandi speranze per il sostegno pedagogico agli  insegnanti, che sono spesso isolati. Le applicazioni facilitano l'insegnamento delle materie: esercizi adeguati al livello di ogni studente, correzione immediata, metodi di lavoro diversificati e la possibilità di ricominciare da capo tutte le volte che è necessario. Tuttavia, queste soluzioni sono molto costose e inaccessibili per le scuole comunitarie.

Alcune hanno potuto beneficiare di aiuti e hanno ricevuto dei computer, ma questo non ne garantisce l'utilizzo. Ho osservato che molti computer sono in avaria e la scarsa alimentazione elettrica permette spesso di alimentare solo tre computer contemporaneamente. Così la maggior parte degli studenti riceve un'istruzione solo teorica in informatica. Sanno perfettamente come stampare un documento, ma non sono mai riusciti a farlo perché non c'è una stampante disponibile! Il mio impegno come cooperante di Comundo nell'organizzazione partner Expanded Church Response (ECR) ha lo scopo di rafforzare queste scuole nel campo dell'informatica.

ECR è attiva in Zambia negli ambiti dell’educazione, della salute e dell’alimentazione e sostiene più di 100'000 bambini, attraverso appunto le scuole comunitarie.

Il progetto mira innanzitutto a migliorare le infrastrutture per l'insegnamento e la gestione delle scuole. Il mio ruolo è a un altro livello: sostenere gli insegnanti nell'acquisizione di competenze pedagogiche per l'insegnamento della tecnologia, così come per l'insegnamento di altre materie, attraverso l'uso di strumenti informatici. Per fare questo, partiamo naturalmente dalle esigenze espresse dagli insegnanti e dai dirigenti scolastici.

I computer sono un supporto didattico essenziale per gli insegnanti e permettono ai giovani d’imparare l’uso delle nuove tecnologie.
I computer sono un supporto didattico essenziale per gli insegnanti e permettono ai giovani d’imparare l’uso delle nuove tecnologie.

Un cooperante svizzero in Zambia

Arrivando in Zambia all'inizio del 2020, è stata una vera sfida integrare un background culturale così diverso e un'organizzazione come ECR. Abituato al mondo dell'istruzione in Svizzera, ho dovuto imparare un altro modo di funzionare. 

Per fortuna, la collaborazione instaurata con Comundo è forte e sono stato ben accolto dai miei colleghi. 

La loro presenza durante le prime visite scolastiche mi ha permesso di essere ben accolto dagli insegnanti e mi ha reso molto più facile conoscerli. Evidentemente le differenze restano: sono l’unico bianco nella squadra e non parlo nessuna lingua locale (la lingua di lavoro è l’inglese). Tuttavia, poco alla volta integro i codici culturali e pongo un’attenzione particolare al mio comportamento, facilitando così notevolmente la collaborazione.

Soluzioni per i giovani e per la società

In questo modo, permettiamo ai giovani provenienti da ambienti svantaggiati di ricevere un'istruzione di migliore qualità.

Le competenze informatiche sono essenziali per molti lavori in un mondo in via di  globalizzazione e digitalizzazione.  

L'obiettivo è quello di dare loro la possibilità di integrarsi nella società e di trovare un posto nel mercato del lavoro. In effetti, l'attuale situazione del Coronavirus dimostra più che mai l'importanza di queste competenze. E tutto questo avrà anche un effetto globale: una generazione  competente permetterà  anche lo sviluppo economico e sociale della società.

Con la tua donazione rendi possibile il mio interscambio con Comundo, affinché possa continuare a sostenere i bambini e i giovani svantaggiati in Zambia. Grazie mille!

DONA ORA

Di Sacha Chillier | 16 giugno 2020 | Zambia

Condividi questa storia !

 

2 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Fred - scritto il 15.07.2020 - 14:08 ore

Bonjour, merci pour l'article très intéressant ! Mais comment s'est passé la période du coronavirus ces derniers mois ? J'imagine la difficulté...

Comundo, Nicolas Bugnon - scritto il 15.07.2020 - 14:08 ore

Cher Fred,
Comme l'explique la vidéo en fin d'article, les écoles sont fermées et les mesures pour accompagner l'enseignement sont prises. Dans un autre article de cette série, une coopérante explique comment des cours sont donnés via la radio ! :
https://www.comundo.org/fr/blog/le-chemin-des-huttes-aux-tablettes-2330
Vous pouvez également lire l'explication complète qu'a eu Comundo face au coronavirus en commandant le numéro de la revue par poste :
https://www.comundo.org/fr/actuel/magazine
Merci pour votre intérêt !


Sacha Chillier

insegnante

E-Mail

Le condizioni nelle scuole pubbliche dello Zambia sono spesso precarie. Per migliorare la qualità dell'istruzione, l'organizzazione partner di Comundo ECR vuole avvalersi delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. L'insegnante Sacha Chillier la sostiene nell'attuazione di questa strategia.
 

maggiori informazioni

Sostenere il progetto

Vuoi sostenere l'interscambio e aiutarci a rendere possibile il lavoro del cooperante a favore di questo importante progetto?

 

Dona ora!