Dona ora
12.04.2022

Sparizioni forzate: testimonianze decisive

Laura Florez, antropologa, è partita nel 2019 con Comundo a Buenaventura, Colombia. Insieme alla sua organizzazione partner FUNDESCODES e ad altre organizzazioni della rete, ha studiato l'ecosistema dell'estuario del San Antonio, raccolto testimonianze della popolazione civile e documentato le sparizioni di vittime di gruppi armati per la Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP). Dopo un lungo processo di lobbying e sulla base del loro lavoro, la JEP ha emesso a febbraio una misura provvisoria che impedisce lo spostamento di terra nell'intero estuario. Questo è un precedente che potrebbe creare un precedente in tutto il paese. Laura ci racconta questo successo.

A Buenaventura nel 2019, dietro il ritratto del leader della comunità locale Don Temistocles Machado, Laura Flórez e suo marito (a sinistra nella foto) con Yina Avella e un membro dello staff di Amnesty International Svizzera. Foto: Comundo

Dopo quasi tre anni dal mio rientro dall’interscambio con Comundo a Buenaventura, Colombia, con l'organizzazione partner FUNDESCODES, ho mantenuto ottimi contatti con molti colleghi e partner che lavorano insieme in una rete di 11 organizzazioni e associazioni locali, regionali e nazionali*. Tutti hanno lottato per documentare e mappare le testimonianze che permetteranno alle famiglie delle 761 persone scomparse (cifre del CICR) dall'attuazione degli accordi di pace nel 2017, vittime delle violenze perpetrate dai gruppi armati, di conoscere una parte della verità sui loro familiari scomparsi, ma soprattutto di accedere ai meccanismi della giustizia di transizione. Si tratta di un progetto ambizioso, complesso e sfaccettato, che coinvolge processi, ricerca della verità, risarcimenti, riforma agraria, diritti degli indigeni, ricerca degli scomparsi, reintegrazione degli ex combattenti, iniziative di riconciliazione, lavoro sulla memoria, ecc, in un contesto politico molto polarizzato. E qualche settimana fa ho ricevuto ottime notizie da Buenaventura! 

Buenaventura, una città di quasi mezzo milione di abitanti, situata nel dipartimento della Valle del Cauca sulla costa del Pacifico, è il più importante porto marittimo del paese. È quindi una questione importante per i gruppi armati, che si finanziano massicciamente attraverso il traffico di droga. Una delle nostre ipotesi di lavoro, sostenuta da numerose testimonianze e fonti corroboranti, era che l'Estero de San Antonio, l’estuario del fiume lungo parecchi chilometri con un complesso di molteplici bracci laterali, sarebbe uno dei luoghi dove i gruppi armati si disfacevano dei corpi delle loro vittime. 

Una grande vittoria! 

Una delle nostre partner di rete, Marta Giraldo, del Movimiento Nacional de Víctimas de Crímenes de Estado (MOVICE) di Cali e Coorporación Plural, mi ha scritto per dirmi che il lavoro che avevamo fatto a Buenaventura aveva ottenuto una vittoria senza precedenti nel febbraio 2022: una misura precauzionale è stata appena emessa dalla Jurisdiccion Especial para la Paz (JEP), che impedisce la rimozione di terra in tutto l'Estero de San Antonio, al fine di poter determinare se ci sono corpi sommersi di persone scomparse. Una grande vittoria di cui sono felice per diverse ragioni! 

Da un lato, perché ho potuto dare un modesto contributo durante il mio interscambio con Comundo da settembre 2019 a dicembre 2020, quando ho iniziato un lavoro di documentazione e contestualizzazione di questo ecosistema, studiando il modo in cui esso struttura lo spazio urbano di Buenaventura e come potrebbe essere utilizzato da attori armati nelle loro attività criminali di assassini, torture, rapimenti, traffico di droga e altre esazioni.

Testimonianza decisiva

Ma soprattutto, questa misura è stata presa sulla base delle testimonianze che i membri della nostra rete di organizzazioni sociali avevano raccolto e documentato dalle famiglie delle vittime e dagli abitanti della zona. Come questa per esempio: un leader comunitario ci aveva rivelato nel 2019 che i membri della sua comunità avevano dovuto passare intere notti a sentire le urla di persone torturate, che risultavano provenire da due "case di taglio", vicino alle rive del Estero, in cui venivano smembrati i corpi delle vittime... 

In altre parole, non c'era nessuna prova materiale o forense per garantire che i corpi fossero stati scaricati nell'Estero. Ma il nostro lavoro congiunto di documentazione e difesa ha fornito argomenti sufficienti. 

"È quindi una grande vittoria che le testimonianze della popolazione civile, e il nostro lavoro di raccolta e documentazione, siano così riconosciute come una fonte decisiva per l'accesso alla giustizia." Laura Florez 

E una vittoria del lavoro in rete tra organizzazioni locali, regionali e nazionali, alcune delle quali sostenute da organismi internazionali come Comundo o l'ufficio colombiano dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, che dimostra che può avere un impatto significativo sul sistema di giustizia di transizione in Colombia.

Secondo l'Instituto de Hidrología, Meteorología y Estudios Ambientales (IDEAM), tre quarti (74%) del territorio nazionale colombiano sono costituiti da bacini idrici, come l'Estero de San Antonio de Buenaventura. Un precedente che potrebbe quindi portare alla luce, da molte secche, elementi che permetteranno di rendere giustizia alle famiglie degli scomparsi, e di continuare ad avanzare sulla lunga strada che porterà la Colombia verso la pace. Una cultura della pace che rimane la priorità dell'impegno di Comundo in Colombia, accanto alla difesa e alla protezione dei diritti umani e delle vittime del conflitto. 

* La rete di associazioni, organizzazioni e istituzioni è composta da

Fundación Progreso y Paz (PRO&PAZ), Fundación Sueños Reales, Corporación Centro de Estudios Etnicos, Fundación Paz y Reconciliación, Corporación Centro de Pastoral Afrocolombiana (CEPAC), Capilla de la Memoria Buenaventura, Asociación Nacional de Pescadores Artesanales de Colombia, Proceso de Comunidades Negras (PCN), Corporación Plural, Corporación Memoria Paz, Movimiento Nacional de Víctimas de Crímenes de Estado (MOVICE), e Marisol Congolino Rey (parente di una persona scomparsa)


Un gruppo di giovani porta le sue richieste durante una marcia per la pace a Buenaventura nel 2019. Foto: Danelly Estupiñan

Comundo in Colombia

 

In Colombia, Comundo sostiene la costruzione della pace attraverso la promozione di processi di riconciliazione, la difesa dei diritti umani, così come l'accompagnamento e il sostegno delle vittime di violenza. Le comunità locali devono riuscire a superare i conflitti e la violenza e a difendere i loro diritti.

 

I nostri progetti

 

Sostieni i nostri progetti in Colombia

E ora la palla passa a te!

  • Rimani aggiornato su posti vacanti all'estero 
  • e su esperienze di vita e progressi nei progetti dei nostri cooperanti

ISCRIVERSI ALLA NEWSLETTER