Dona ora
31.05.2021

Colombia, il diritto di vivere in pace

Il 28 aprile è iniziato uno sciopero nazionale dopo che il governo di Iván Duque ha annunciato una riforma fiscale sfavorevole alla maggioranza, con manifestazioni sociali duramente represse. Un mese dopo, le proteste sono ancora in corso e un gran numero di persone sono morte, scomparse o ferite, la maggior parte delle quali tra manifestanti. La nostra direzione del programma e i nostri cooperanti sul posto descrivono la situazione e danno la loro testimonianza.  

 UPDATE: 31.5.2021 

«I cattivi sono pochi e lontani tra loro», dice un colombiano che porta un cartello in una strada della capitale. C'è effettivamente una realtà di violenza causata da una minoranza in questo paese che ha dato origine ad anni di massacri di civili da parte dei militari e di terrore da parte di gruppi di guerriglieri, narcotrafficanti e paramilitari, soprattutto nelle zone rurali dove lo stato semplicemente non esiste. L'accordo di pace è stato siglato nel 2016, ma ha faticato ad essere attuato completamente e il conflitto armato persiste.   

La distribuzione ineguale della ricchezza è stata storicamente un denominatore comune per milioni di colombiani, ulteriormente esacerbata dalla pandemia Covid-19, che oggi si traduce in un alto tasso di povertà. Alla fine di aprile, il Dipartimento di Statistica (DANE) ha annunciato che dei 50 milioni di abitanti del paese, il 42,5% vive con meno di 83 franchi al mese e 7,5 milioni sopravvivono con meno di 36 franchi.  

Stanchi di false promesse 

I giovani sono particolarmente colpiti. Stanchi di false promesse, rappresentano la maggioranza dei cittadini che continuano a scendere pacificamente in strada per protestare e chiedere i loro diritti. La risposta del governo di Iván Duque è stata quella di etichettare i manifestanti come "vandali e terroristi", giustificando una risposta pesante da parte dell'ESMAD, la temuta polizia antisommossa della Colombia: secondo la ONG Indepaz (indepaz.org.co), ci sono stati 66 morti il 29 maggio, più della metà dei quali a Cali.  

Altri atti arbitrari e illegali sono stati commessi, come la sparatoria contro i membri della nostra organizzazione partner CRIC che viaggiavano da Popayán a Cali per sostenere le manifestazioni, che ha lasciato 10 persone ferite, compresi i membri della squadra con cui lavora uno dei nostri cooperanti a Popayán.  

Da parte sua, il governo svizzero ha dichiarato che «La Svizzera segue con preoccupazione la situazione in Colombia. La dimostrazione pacifica è un diritto umano. Ci rammarichiamo per i morti e i feriti e ricordiamo l'obbligo di rispettare i diritti umani. Invitiamo tutti a non ricorrere alla violenza e speriamo che si possa trovare una soluzione attraverso il dialogo».   

Massive Repressionen durch die Regierung bringen das (junge) Volk auf die Strasse.

Foto ©Comundo/Andreas Hetzer

Attualmente, le riforme fiscali e sanitarie sono state abbandonate, il ministro degli esteri e l'alto commissario per la pace si sono dimessi. E una commissione interamericana per i diritti umani visiterà la Colombia il più presto possibile per preparare un rapporto.  

Un'intransigenza che non promette nulla di buono 

Sono passate quattro settimane dall'inizio dello sciopero nazionale e nessun negoziato tra il governo e il comitato nazionale di sciopero è all'ordine del giorno. Cosa succederà a breve e medio termine? Per il momento, il presidente Duque ha appena esteso per decreto, il 29 maggio, il dispiegamento coordinato dell'esercito accanto alla polizia in 7 dipartimenti, al fine di «affrontare e superare gli eventi che danno luogo a una grave perturbazione della sicurezza e della convivenza».  

Alcuni analisti prevedono quindi un'ondata di violenza nei prossimi mesi e fino alle elezioni del maggio 2022. E le dimostrazioni pacifiche continueranno certamente mentre le nuove generazioni continuano a chiedere il loro diritto a vivere in pace. 

Comundo s'impegna a sostegno del dialogo

L’impegno di Comundo in Colombia è iniziato più di 60 anni fa con i missionari della Bethlehem Mission Immensee. Il sostegno alla costruzione della pace basata sulla giustizia sociale è il filo conduttore del nostro lavoro sul posto. Il programma 21-24 di Comundo sostiene in particolare le giovani generazioni nell'esercizio effettivo dei loro diritti e nella loro partecipazione attiva alla costruzione della pace, con l'obiettivo di migliorare le loro condizioni di vita. In collaborazione con le organizzazioni partner locali con le quali i nostri 9 cooperanti sono impegnati, Comundo concentra il suo contributo principalmente su tre aree: la costruzione della pace e la gestione non violenta dei conflitti, l'esercizio dei diritti umani (territoriali e ambientali) e il sostegno legale e psicosociale alle vittime dei conflitti. Questo lavoro è particolarmente importante in un momento di protesta sociale, che è in gran parte guidato dai giovani.  

Maggiori informazioni sul nostro lavoro in Colombia: www.comundo.org/it/colombia

Un webinar sul tema "Proteste sociali e violenza statale in Colombia", co-organizzato da PBI Svizzera, ask! e Comundo, avrà luogo il 7 giugno: www.comundo.org/fr/webinaire-colombie  

I nostri cooperanti sono al sicuro e testimoniano

Tutte e tutti i cooperanti di Comundo sono attualmente  al sicuro e seguono quotidianamente l'evolversi della situazione con le loro rispettive organizzazioni partner. La direzione del nostro programma paese è regolarmente in contatto con ognuno di loro e insieme  monitorano la situazione in Colombia. Vi proponiamo qui sotto qualche testimonianza:

Julia Maria Schmidt, cooperante di Comundo a Bogotà: 

Ho avuto l'opportunità di partecipare a diversi eventi della mobilitazione sociale che si sta svolgendo in Colombia in questo momento. Insieme ai colleghi della mia organizzazione partner, abbiamo visto tutte le espressioni artistiche, i gesti di solidarietà e le testimonianze che hanno luogo nel contesto dello sciopero nazionale 2021. L'atmosfera è molto tranquilla ovunque. La violenza sproporzionata delle forze pubbliche contro i manifestanti, che va avanti dal primo giorno delle proteste, è una questione di grande preoccupazione per tutte le persone che incontriamo, e una delle fonti della loro motivazione a manifestare.   

Maggiori informazioni sull'interscambio di Julia Schmidt

Andreas Hetzer, cooperante di Comundo a Cali : 

Nei vari punti di blocco della città di Cali, la giovane generazione si riunisce per protestare e lottare per un futuro di speranza in un paese pacifico. È molto più che una discussione su alcune riforme. I giovani vogliono un cambiamento fondamentale in Colombia, che garantisca loro l'accesso all'istruzione di qualità, al lavoro e all'assistenza sanitaria. C'è un urgente bisogno di un dialogo sociale che tenga conto delle legittime richieste dei manifestanti e dei giovani e che trovi soluzioni politiche alla crisi.  

Maggiori informazioni sull'interscambio di Andreas Hetzer

Anna Lena Diesselmann, cooperante di Comundo a Cali : 

La direzione di Reconciliación y Paz cerca una soluzione pacifica alle controversie e aiuta le persone che si confrontano con la violenza a uscire da questa dinamica. Le attuali proteste sono l'espressione di decenni di divisione sociale e politica. Il nostro obiettivo primario è quello di proteggere le vite umane e prevenire ulteriori violazioni dei diritti umani. Siamo disponibili giorno e notte e accompagniamo le proteste come osservatori. Ci può essere pace in Colombia solo con più giustizia sociale.  

Maggiori informazioni sull'interscambio di Anna Lena Diesselmann

Jonas Rüger, cooperante di Comundo nel Cauca : 

Come parte del programma sui diritti umani del Consejo Regional Indígena del Cauca (CRIC), appoggio il lavoro di monitoraggio delle violazioni dei diritti umani, un ruolo molto attuale nel contesto delle manifestazioni e della risposta repressiva prevista dallo stato. Per esempio, siamo stati in grado di documentare 12 attacchi con armi da fuoco contro i manifestanti, per lo più eseguiti da civili non identificati ma spesso accompagnati o in prossimità di agenti di polizia che non sono intervenuti. In uno di questi attacchi, un collega e caro amico è stato gravemente ferito. 

Maggiori informazioni sull'interscambio di Jonas Rüger

Contatto per informazioni

Siamo a disposizione delle famiglie e dei  parenti che desiderano maggiori informazioni sui cooperanti e sulla loro sicurezza in questa situazione di tensione.

 

Mathilde Defferrard, responsabile del programma Colombia, sarà lieta di rispondere alle vostre domande via e-mail

 

Webinar del 7 giugno

In collaborazione con PBI, ask! e Comundo, il 7 giugno si è tenuto un webinar per discutere la situazione in Colombia. Trova il riassunto (in tedesco) e la registrazione (in spagnolo) di questi scambi.

 

L'articolo e il video