Dona ora
18.09.2020 | Colombia, Diritti umani e democrazia

Il destino di un villaggio

Carenza d'acqua, demolizione di case e reinsediamento forzato: il piccolo villaggio colombiano di contadini e pescatori "El Hatillo" ci rimette quando sono in gioco interessi economici nazionali e internazionali. Un'altra storia sulla mancanza di responsabilità da parte delle multinazionali. Di Julia Schmidt.

Ogni volta che vado a El Hatillo passo davanti a varie miniere di carbone fossile e a chilometri di cumuli di rifiuti. Il villaggio si trova nel dipartimento del Cesar nel nord della Colombia, una regione ricca di carbone. L'attività mineraria è iniziata su vasta scala negli anni '90, ed è aumentata del 500 per cento tra il 1992 e il 2014. Nel 2019, il 62% del totale del carbone fossile estratto in Colombia proveniva dal dipartimento del Cesar, comprese le miniere intorno a El Hatillo.

Vincitori e perdenti dell'estrazione del carbone

La Colombia è uno dei dieci paesi esportatori di carbone fossile più importanti del mondo. Per molti anni il governo colombiano ha considerato l'estrazione e l'esportazione del carbone fossile come il motore del progresso e della prosperità. Ma per chi, mi chiedo io? 

«Pescavamo quanto ci bastava per una settimana», ricorda Almeys Mejía. Con la diffusione delle miniere, i terreni agricoli sono andati perduti, la falda freatica è stata inquinata, il fiume è stato deviato, ha trasportato sempre meno acqua e ora si è completamente prosciugato. Per molti decenni, gli abitanti di El Hatillo hanno vissuto con quello che potevano guadagnare nel villaggio e nei dintorni. Molto di ciò di cui avevano bisogno gli è stato tolto.

 

Reinsediamento a causa di danni ambientali

Il reinsediamento di El Hatillo è stato ordinato dal Ministero dell'Ambiente colombiano nel 2010 a causa dell'alto livello di inquinamento atmosferico e dei gravi rischi per la salute che ne derivano. Tuttavia, 200 famiglie vivono ancora nel villaggio. Anno dopo anno, gli abitanti aspettano di essere reinsediati, senza prospettive e senza una data precisa. Nonostante le trattative con le multinazionali per la procedura e la tempistica del reinsediamento siano in corso da tempo, rimangono sempre in stallo, in ritardo e gli accordi non vengono rispettati. Intanto, gli abitanti di El Hatillo perdono la loro casa e il loro sostentamento. Quello che resta loro sono incertezza e disagio, una sensazione di tensione che si è intensificata l'anno scorso quando gli escavatori dei gestori della miniera hanno demolito diverse case davanti agli occhi dei residenti.

 

Il vostro sostegno conta!

 

Con una donazione, si possono aiutare persone come gli abitanti di El Hatillo a far sentire la loro voce

 nella lotta per i diritti umani.

Grazie mille!

 

DONA ORA

Le multinazionali devono assumersi la responsabilità

Questo tira e molla a proposito di El Hatillo è deprimente anche per me, che sto solo accompagnando il processo, senza esserne toccata personalmente. Ciò che mi rende particolarmente pensierosa è che vengo da un Paese che è parzialmente colpevole per questa situazione. Sono molte le persone in Europa a non rendersi conto che il carbone fossile colombiano viene bruciato nelle centrali tedesche per produrre elettricità. Oppure che con Prodeco-Glencore, una società svizzera gestisce miniere di carbone nel Cesar e a El Hatillo. In questo modo noi del Nord del mondo approfittiamo direttamente delle violazioni dei diritti umani delle multinazionali - a favore del "progresso e della prosperità".

«Andavamo insieme al fiume, in gruppo, a pescare. 
Pescavamo quanto ci bastava per una settimana». Almeys Mejía

 

 

« Si tratta di esseri umani, non bisogna dimenticarlo»

Gli abitanti di El Hatillo non hanno alcuna speranza di veder rispettato il programma di reinsediamento previsto tra la fine del 2021 e il 2023. La crisi del Coronavirus sta contribuendo a far sì che tutto si arresti e che il processo si trascini ulteriormente. Anche se in realtà non vogliono andarsene, gli abitanti di El Hatillo esigono più certezze sul loro futuro: «Non vogliamo più svegliarci ogni giorno pensando a quando partiremo – dice Yolima Parra –. Qui ci sono anziani, bambini, donne incinte, madri single. Si tratta di esseri umani, non bisogna dimenticarlo».

Leggi l’articolo completo pubblicato su CARTABIANCA

SCOPRI DI PIÙ SULL’INIZIATIVA PER MULTINAZIONALI RESPONSABILI

 

 

 

Di Julia Maria Schmidt | 18 settembre 2020 | Colombia

Condividi questa storia !

 

0 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Julia Maria Schmidt

giornalista

E-Mail

Julia Schmidt è partita all'inizio del 2018 come cooperante a Bogotà, in Colombia. Grazie al suo lavoro con la Fundación Chasquis riesce a dare voce alle persone più sfavorite, lavorando per il rispetto dei diritti umani e dell'ambiente.