Dona ora
08.09.2021 | Bolivia, Salute

Bolivia: l’accento sugli autori delle violenze

Dal 2013, la Bolivia sta cercando di permettere alle donne di vivere una vita senza violenza, con una nuova legge. Finalmente. Ma ciò non basta per riuscire a cambiare la realtà delle cose. Lo psicologo Marco Ballesteros spiega come da anni Comundo si sta impegnando nell’applicazione di questa legge, portando una nuova prospettiva al problema della violenza di genere.

È possibile ridurre o prevenire la violenza di genere se la si analizza e si reagisce in modo univoco? Cioè se l’accento viene messo solo su una parte dei protagonisti (di solito: la vittima) e l'aspetto della relazione viene dimenticato? In Bolivia, la violenza di genere è prevalentemente un problema sofferto dalle donne. Ma è anche un problema di uomini che perpetrano, tollerano e giustificano la violenza.  

La legge 348 (che garantisce alle donne una vita libera dalla violenza), introdotta nel 2013, è stato un tentativo legittimo di affrontare la violenza di genere in modo più completo per porvi fine. Tuttavia, una legge in sé non è la soluzione. E una soluzione per prevenire la violenza contro le donne è urgentemente necessaria in Bolivia.  

Anni fa, l'organizzazione svizzera INTERTEAM (ora Comundo) ha capito che un approccio promettente per l'attuazione della nuova legge sarebbe stato quello di concentrarsi maggiormente sugli uomini violenti in termini di prevenzione. Si è deciso di affrontare questo problema e di sviluppare una guida terapeutica per lavorare con gli uomini che perpetrano la violenza di genere. Qualcosa che fino ad ora era un territorio completamente inesplorato in Bolivia (e anche in molti altri paesi del mondo). 

Una guida per il lavoro degli uomini - Una novità in Bolivia 

Per conto di INTERTEAM/Comundo e dell'organizzazione partner di lunga data INFANTE, lo psicologo Aritz Pérez da anni sta raccogliendo esperienze di lavoro con uomini in Argentina, Messico e Spagna. Così, nel 2013, è stata pubblicata per la prima volta una guida con esperienze, riflessioni e suggerimenti sul lavoro psicologico con uomini violenti, con il titolo "Frente a Frente" ("Face to Face"), con esperienze, riflessioni e suggerimenti per il lavoro psicologico con uomini violenti. 

«Bisogna vedere un uomo autore di violenza come qualcosa in più che semplicemente un oggetto di sanzioni giudiziarie.»

Dal settembre 2016 sono entrato anche in INTERTEAM/Comundo come psicologo e specialista. Il mio obiettivo era quello di trasferire la metodologia della guida “Frente a Frente” al settore pubblico e privato. L'attenzione si è concentrata nelle città di Cochabamba, La Paz, Sucre e Potosí. In collaborazione con altri membri dello staff dell'ufficio nazionale Comundo in Bolivia, abbiamo iniziato a realizzare varie attività a Cochabamba. Con simposi, conferenze, azioni di advocacy sociale o l'appoggio concreto delle istituzioni pubbliche, volevamo creare una nuova consapevolezza; era importante per noi che la gente capisse perché e a quale scopo il lavoro psicologico con gli uomini violenti è così importante in Bolivia. Passo dopo passo, Cochabamba è diventata così il centro degli interventi psicologici con gli uomini violenti in Bolivia. Le nostre linee guida e il monitoraggio permanente hanno aiutato le poche istituzioni pubbliche e le organizzazioni non governative della zona di Cochabamba ad adattarsi costantemente e a professionalizzare il loro lavoro con gli uomini.   

Un networking di successo

Un punto culminante del nostro lavoro di successo finora è stato un evento organizzato da Comundo; la maggior parte delle organizzazioni che lavorano con gli uomini in Bolivia hanno partecipato. Insieme abbiamo sviluppato una proposta per cambiare la legge 348 in modo che il lavoro psicologico con gli uomini violenti diventi finalmente parte della politica pubblica. 

Negli ultimi anni, ho cercato di ancorare meglio la questione nella società boliviana come parte del mio lavoro per Comundo. A questo scopo, per esempio, realizziamo mensilmente interviste con vari psicologi che lavorano con gli uomini; in questo modo, raccogliamo e analizziamo diverse esperienze in questo campo e le rendiamo nuovamente accessibili alle istituzioni. Allo stesso modo, abbiamo iniziato a cercare uno scambio con psicologi di altri dipartimenti come Tarija o Santa Cruz per condividere i nostri metodi e risultati.  

Oggi, sempre più uomini cercano le poche strutture pubbliche disponibili per la consulenza e la terapia, sia volontariamente a causa di problemi di relazione, sia su prescrizione del pubblico ministero. Da un lato, questo aumenta l'interesse per le linee guida che abbiamo sviluppato; le strutture vorrebbero implementarla nel quadro delle loro circostanze e possibilità regionali. D'altra parte, l'aumento della domanda mostra anche una maggiore consapevolezza in Bolivia e un riconoscimento dell'importanza del lavoro terapeutico con le persone violente.

Conferenza sulla violenza degli uomini e perché lavorare con loro è così importante per prevenire la violenza futura (Potosì, 11 marzo 2020)
Conferenza sulla violenza degli uomini e perché lavorare con loro è così importante per prevenire la violenza futura (Potosì, 11 marzo 2020)

Gli uomini come protagonisti del problema, non solo soggetti di sanzioni giudiziarie

Il nostro tentativo è quello di affrontare questo difficile problema in modo completo, e di rendere finalmente la legge 348 una realtà. Questo significa non escludere gli uomini come gruppo specifico di destinatari delle misure preventive. Dopo tutto, sono loro i principali responsabili del problema. Includerli significa non solo percepirli come soggetti di sanzioni giudiziarie, ma anche come un importante gruppo target nel lavoro di prevenzione e ricerca. I nostri sforzi di successo negli ultimi anni per concentrarci di più anche sugli autori si basano proprio su queste considerazioni.
 

Tradotto dallo spagnolo

Di Marco Ballesteros | 8 settembre 2021 | Bolivia

Condividi questa storia !

 

0 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Marco Ballesteros

psicologo

Marco Ballesteros, in collaborazione con l'associazione professionale di psicologi e altre istituzioni di Cochabamba, forma il personale delle istituzioni statali e private nella terapia per gli autori e quindi aiuta a prevenire la violenza.
 

Di più sul progetto

 

E ora la palla passa a te!

  • Rimani aggiornato su posti vacanti all'estero 
  • e su esperienze di vita e progressi nei progetti dei nostri cooperanti

ISCRIVERSI ALLA NEWSLETTER