Dona ora
08.03.2022 | Colombia, Diritti umani e democrazia

Lina che vuole cambiare il mondo

L'empowerment delle donne è una potente chiave per una società più giusta. Ne è convinta Lina,  adolescente colombiana che è stata recentemente eletta come più giovane rappresentante nel Consiglio Giovanile di Jamundí. In questa funzione, vuole contribuire al rafforzamento delle donne e al cambiamento della società. La cooperante di Comundo Anna Lena Diesselmann ha accompagnato la ragazza dal momento della sua candidatura fino all’elezione. Ecco il suo contributo per la Giornata Internazionale della Donna dell'8 marzo.

A soli 14 anni, Lina è stata eletta a consigliera giovanile nella sua città. Che senso di realizzazione per la ragazza, un tempo così timida! Ora rappresenta gli interessi dei giovani di Jamundí. Nel corso dell'ultimo anno, l’ho sostenuta nel processo di creazione di un gruppo giovanile, nell’ambito del mio lavoro con l'organizzazione partner di Comundo Vicaría para la Reconciliación y la Paz

«Il tutto è nato dalla necessità di creare un luogo sicuro per i bambini e i giovani, in mezzo alla violenza e alla grande povertà di questa regione. Un luogo dove le diverse bande possono incontrarsi e i conflitti possono essere affrontati in modo costruttivo.» Anna Lena Diesselmann

Programma di empowerment per le donne

Lina, che è molto alta per la sua età, vive con la sua famiglia a Jamundí, sotto lo stesso tetto con la madre e la nonna: tre generazioni di donne forti e sicure di sé. Tre anni fa, sua nonna è stata il ponte che ha portato Lina verso il nostro programma di empowerment per le donne: "Un giorno, mia nonna mi ha presa con sé", ricorda Lina: "Pronti, partenza, via!". In quel periodo, l'adolescente stava soffrendo molto per la perdita del suo ragazzo, che si era suicidato. Sua nonna e sua madre volevano aiutarla a superare i suoi pensieri negativi e a sviluppare la sua personalità. "Non avevo abbastanza fiducia in me stessa. Preferivo rimanere a casa e suonare la chitarra. Grazie a questo programma ho imparato a comunicare, ad esprimermi e a non rimanere sola con i miei pensieri e i miei problemi", racconta Lina. All'epoca soffriva di una depressione molto grave. Grazie al programma di formazione, ha potuto riconoscere le sue debolezze e rimettersi in sesto. 

 «Grazie a questo programma ho imparato a comunicare, ad esprimermi e a non rimanere sola con i miei pensieri e i miei problemi.» Lina

Dalle donne per le donne: Il nostro team di consulenza per le donne
Dalle donne per le donne: Il nostro team di consulenza per le donne

Promotrice di corsi per la pace

Ma dopo due anni, il gruppo che era diventato così importante nella vita di Lina è stato chiuso. Lasciandole un grande vuoto interiore: Lina sentiva la mancanza delle riunioni settimanali con gli altri. "Allora ho voluto trasmettere agli altri quello che io stessa avevo vissuto come un privilegio", racconta oggi. "Mi sono sentita chiamata ad aiutare altri che, come me, non avevano voce prima e non sapevano come esprimersi e portavano tutto il peso del dolore e della tristezza sulle loro spalle. Così è nata l'idea di continuare i corsi di mediazione, costruzione della pace e diritti umani nella mia scuola", dice Lina, "Questo può prevenire la violenza e contribuire in parte a una società più pacifica". Detto fatto: per mesi, Lina ha incontrato i suoi compagni di classe nei pomeriggi dopo la scuola. Poi è arrivata la pandemia e il luogo di incontro ha dovuto essere spostato dalla scuola a una piazza pubblica. Lina non si è fatta scoraggiare da questa circostanza, al contrario: l'ascolto reciproco era particolarmente importante a causa dell'incertezza e dei bisogni esistenziali durante la crisi.

Lina e un collega festeggiano dopo la loro elezione al Consiglio dei Giovani.
Lina e un collega festeggiano dopo la loro elezione al Consiglio dei Giovani.

Eletta la più giovane consigliera giovanile

Ora Lina è stata eletta come più giovane rappresentante nel Consiglio Comunale dei Giovani. In occasione della nomina dei 21 rappresentanti dei giovani, ho fatto un breve discorso, mi sono congratulata con Lina e le altre e gli altri giovani e ho augurato loro molta forza ed energia. Forse la partecipazione alle strutture democratiche può fare la differenza, dopo tutto. Lina si è candidata principalmente con l'intenzione di sostenere i giovani e le giovani donne. L'abuso e la violenza sessualizzata fanno parte della vita quotidiana in Colombia. Ancora e ancora ci sono omicidi di donne e durante le proteste sociali dell'anno scorso anche la polizia e i militari hanno violentato e torturato donne e ragazze durante gli arresti. Tuttavia, tali aggressioni possono verificarsi anche in qualsiasi famiglia e per strada.

La sensibilizzazione come primo passo per uscire dalla spirale della violenza

Perché le vittime spesso non denunciano le aggressioni e gli atti di violenza? “Molte donne si sono abituate ad essere lasciate indietro dagli uomini”, dice Lina. “Hanno una bassa autostima perché qualcuno le giudica sempre: brutte, grasse, magre, inutili.... E le donne spesso non sono consapevoli dei loro diritti, questo è il problema principale”. Gli atti di violenza, non solo contro le donne, sono fortemente normalizzati in Colombia. Il primo passo verso una società più pacifica è quindi quello di sensibilizzare e costruire fiducia e relazioni non violente. 

«Lina è un modello per molti dei suoi amici. Vuole studiare e riesce a stabilire e focalizzarsi suoi suoi obiettivi: Vuole rafforzare la posizione delle donne nella società, perché vede anche questa come la via per una società più giusta.» Anna Lena Diesselmann

 

Di Anna Lena Diesselmann | 8 marzo 2022 | Colombia

Condividi questa storia !

 

0 Commenti

Scrivi un commento

Facci sapere cosa ne pensi !

 


Anna Lena Diesselmann

Linguista e specialista in interventi psicosociali

E-Mail

Insieme alla "Dirección para la Reconciliación y la Paz", sto lavorando qui a Cali per costruire una società più giusta. Di fronte alla violenza massiccia e diffusa, sosteniamo soprattutto i gruppi vulnerabili nell'esercizio dei loro diritti fondamentali. In questo modo, porto nuove prospettive e metodi per la protezione dei diritti umani e li sviluppo ulteriormente insieme ai miei colleghi.
 

di più sul progetto

 

E ora la palla passa a te!

  • Rimani aggiornato su posti vacanti all'estero 
  • e su esperienze di vita e progressi nei progetti dei nostri cooperanti

ISCRIVERSI ALLA NEWSLETTER